var _iub = _iub || {}; _iub.cons_instructions = _iub.cons_instructions || []; _iub.cons_instructions.push(["init", {api_key: "QLmdduIqe1Dwsbtue8Gt6WLL8DXNBsbI"}]);

il primo magazine sulla sostenibilità applicata

Probabilmente  non tutti sanno che a Milano, da più di un anno, esiste uno spazio dove imprenditori , creativi e professionisti si impegnano ogni giorno per la propria città, l’ambiente e la società.
Si chiama The Hub Milano ed è  la prima  sede italiana della fitta rete internazionale “The Hub”:  una serie di spazi fisici dove vengono sviluppati progetti ad alto impatto sociale e ambientale e dove, soprattutto, è possibile trovare risorse, collaborazioni e supporti necessari perché questi progetti si concretizzino in realtà pronte per essere offerte alla comunità.
 Non a caso vi si fermerà una tappa di Ideetour 2011, il giro in pulmann dei giovani organizzati dall’Associazione Nodo e diretti in tutte quelle aziende che si sono distinte per creatività e innovazione, da Kilometro Rosso a – appunto – l’hub milanese.
Come  già detto,“The Hub” è una rete internazionale. Ci sono attualmente 24 Hub nei 5 continenti, e la rete è in continua espansione tanto che è prevista l’apertura di altri 60 Hub in diverse località in Europa e in tutto il mondo. Ovunque realizza spazi di lavoro e occasioni di incontro allo scopo di creare innovazione sociale e cultura della sostenibilità tra imprenditori e professionisti che pongono al centro del loro lavoro i bisogni  reali dell’uomo e del pianeta stesso, cercando di dar vita ad una nuova concezione  economica.
 I settori in cui opera maggiormente sono: Energie rinnovabili, Design sostenibile, Bioarchitettura, Educazione, Sostenibilità ambientale, Mobilità sostenibile, Ricerca scientifica, Media & Comunicazione sociale, Diritti umani e Sviluppo internazionale.
 
L’obiettivo di questo spazio è quindi quello di essere un vero e proprio “incubatore” di imprese sociali, mettendo a servizio di tutti gli “hubber” tecnologie avanzate, risorse, connessioni, conoscenze ed esperienze: cioè un ambiente in grado di rispondere al crescente bisogno di creare un futuro più etico e orientato alla cultura della sostenibilità.
 
Anche l’arredamento interno rispecchia i valori intrinseci di The Hub in quanto vengono utilizzati materiali di recupero, rigenerati e spesso riadattati a una nuova funzione.
Nel caso di Milano lo spazio è particolarmente ampio e ricopre una superficie di circa 570 mq suddivisi in diverse aree e stanze, affittabili per eventi, workshop, open lectures o networking: al loro interno vengono fornite inoltre tutte le risorse necessarie per poter lavorare al meglio come la connessione wireless, una stampante-fotocopiatrice, scanner, fax e salette riunione per team di lavoro.
Ecco allora che The Hub rappresenta un esempio concreto di come nella società di oggi ci sia ancora un gruppo di persone attive, volenterose e vitali, spinte da un’etica precisa che ne accompagna lavoro e  principi ideali con coerenza e concretezza.
Un motivo di orgoglio e di  innovazione che ci aiuta a immaginare un futuro diverso e migliore per tutti.
 
0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli