il primo magazine sulla sostenibilità applicata

L'APPARTAMENTO... SALENTINO
«Non riesco a capire perché il mondo in generale è diventato il casino che è diventato. Chissà se era proprio inevitabile che diventasse proprio così. Tutto è complicato, caotico, farraginoso...una volta non c'era altro che la campagna, con le mucche e le galline. Tutto era molto più semplice, immagino. Allora avevamo un rapporto diretto con le cose: nel mondo di "Martine" si allevavano gli animali, si mangiava quel che si coltivava, ci si faceva da sé i vestiti, la casa.. per Martine la vita era semplice. A volte mi chiedo perché ci abbiamo rinunciato, al mondo di Martine».

Ho voluto iniziare questo articolo citando uno spezzone del film L'Appartamento Spagnolo dove Xavier, il protagonista, fa questa riflessione prima di partire per un viaggio che gli avrebbe cambiato la vita.

In molti credo abbiano immaginato almeno una volta nella loro vita di poter far parte anche solo per un attimo di quel mondo, il mondo di Martine, dove il tempo sembra essersi fermato e la vita scorre a un ritmo più naturale, di pari passo col territorio e i suoi frutti.

Quest'anno, all'inizio di agosto 2012, ho avuto il piacere e la fortuna di partecipare in prima persona a un progetto davvero interessante che mi ha coinvolto completamente, sia dal punto di vista progettuale che umano.

Si tratta di Whereto, un progetto di ospitalità gratuita basato sulla partecipazione attiva e la condivisione degli spazi, con l'obiettivo di far scoprire il territorio locale ai turisti che accettano di far parte dell'iniziativa.

Lo spirito di creatività e innovazione che alimenta le basi del progetto nasce proprio a partire dal suo nome: Where to, che letto diventa "uertu" che in dialetto locale significa "orto"! Una casa immersa nel verde degli ulivi di campagna nella contrada San Lorenzo a Oria, un antico borgo alle porte del Salento, tra Brindisi e Taranto.

Un luogo intriso di storia, dal paesaggio caldo e dal forte profumo mediterraneo, capace di far sentire a casa chiunque, dal ragazzo londinese a quello svedese, dal portoghese alla sicula-milanese.

Un'occasione per le due ideatrici-organizzatrici del progetto (le cugine Giulia e Nadia che ringrazio ancora) di far conoscere il proprio territorio, condividendo spazi e tempo con nuovi amici, vagabondi e in cerca d'avventure, respirando nuovamente i ritmi di vita quieti e rilassanti dettati dalla natura e dal paesaggio locale.

Le giornate a Where to sono state tanto lunghe quanto impegnate: tutti trascinati da un forte spirito di collaborazione e voglia di fare che si respirava costantemente, animato dalla voglia, l'interesse, l'impegno e la passione che ogni partecipante metteva ogni giorno nel progetto.

Piccoli lavori di sistemazione e gestione della casa come la pulizia del giardino e dell'orto, il restyling delle aiuole o dei muretti, il travaso di nuovi alberi e piccole piante, il recupero di materiali in disuso trovati in soffitta. Dipingendo vecchi armadi, pareti, appendiabiti, sistemando vecchie biciclette arrugginite diventate come nuove, ognuno si dava a gesti e attività secondo libera espressione della propria abilità, creatività e conoscenza al servizio degli altri e della casa stessa: una splendida quanto rustica casa di campagna in mezzo alla natura recuperata e nuovamente manutenuta.

Un'esperienza che mi auguro di poter ripetere anche il prossimo anno, capace di coinvolgere emotivamente e creativamente i partecipanti, provenienti da tutta Europa e dal mondo. Portoghesi, inglesi, neo zelandesi, francesi, etc e ovviamente italiani che, a modo loro, hanno ripagato l'ospitalità regalando il proprio sapere, la propria abilità e fantasia al progetto, trasformando un rustico di di campagna in un progetto pieno di valori e di prospettiva da ripetere nel 2013.

Credo che Whereto (chiamiamolo così) rappresenti in modo completo la Regione Puglia: cose semplici, divertimento, persone affettuose e ospitali, che hanno permesso a questo progetto di essere un'avventura da narrare per tanti che, come me, ricorderanno e condirereranno l'estate 2012 tra le più importanti e significative della propria vita.

Contatti e siti internet dove sono visibili foto, commenti e altre informazioni sul progetto:
http://whereto-it.tumblr.com

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok