il primo magazine sulla sostenibilità applicata

DEMOLIZIONI: NUOVE TECNOLOGIE TUTTE GIAPPONESI
In Giappone, incredibile ma vero, dopo 30-40 anni gli edifici finiscono il loro ciclo di vita e…vengono demoliti! Il settore demolizione nel paese del Sol Levante è in netta crescita visto l'ammontare a circa 90, solo nella città di Tokyo, dei grattacieli di cui è prevista la demolizione per legge nei prossimi 10 anni. Tuttavia questo tipo di operazione per edifici più alti di 100 mt non è affatto una cosa semplice e non esiste una soluzione migliore di un'altra, o almeno non esisteva fino a poco tempo fa...

La società di costruzioni giapponese Taisei Corp. ha infatti brevettato un sistema innovativo e tecnologicamente avanzato per demolire questi colossi senza impattare minimamente sugli ambiti cittadini circostanti, seguendo un processo che potremmo definire eco-friendly, che non inquina e produce a sua volta energia.

Si chiama Tecorep la tecnologia brevettata come Ecological Reproduction System ed è veramente a bassissimo impatto ambientale, tanto che per funzionare consuma l'energia che autonomamente produce!

Il sistema sfrutta una gru interna che, asportando piano per piano l'edificio, dall'alto verso il basso, scompone l'intera struttura rimuovendo in primis il pavimento e successivamente tutti gli elementi strutturali (travi e i pilastri). Le varie componenti smontate vengono poi trasportate a terra e questo spostamento dall'alto verso il basso genera energia elettrica, utile per soddisfare il fabbisogno delle altre operazioni previste per la demolizione dell'edificio.
La demolizione innovativa prevede oltre alla produzione di energia pulita, il recupero di materiale riutilizzabile e permette di ridurre le emissioni di carbonio dell'85% , il rumore del 25% e la polvere del 90%.

Addio quindi a gru, palle demolitrici, frastuoni, polvere e detriti, da oggi gli edifici si smantellano pezzo a pezzo da dentro!
IL VIDEO - In un video pubblicato dall'azienda su YouTube mostra in time lapse il prodigioso intervento sperimentato per abbattere il Grand Prince Hotel Akasaka di Tokyo, 138,9m, uno dei più alti del Giappone.
0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok