il primo magazine sulla sostenibilità applicata

Con un recente studio che ha scoperto che i materiali prodotti dall'uomo ora superano la massa totale della biomassa vivente della Terra, i designer stanno diventando sempre più consapevoli di come i prodotti che progettano hanno un impatto sul Pianeta.

Per celebrare la Giornata della Terra, abbiamo raccolto alcuni materiali che i designer stanno usando per sostituire i pilastri più inquinanti come la plastica, il cemento e la pelle nel tentativo di limitare gli impatti del cambiamento climatico.

Dall'uso di materiali rinnovabili che catturano il carbonio come il sughero, le alghe e il lattice alla trasformazione dei rifiuti alimentari recuperati in imballaggi alimentari, l'attenzione è ora rivolta all'intero ciclo di vita di un prodotto. Questo include il modo in cui le materie prime sono ottenute e come possono essere riutilizzate, riciclate o restituite alla natura una volta che il prodotto raggiunge la fine della sua vita.

Pelle di micelio

La pelle viene coltivata da spore in un laboratorio, che si espande in un foglio di filamenti intrecciati che viene poi conciato e tinto per ricreare l'aspetto e la sensazione della vera pelle.

Le aziende di biomateriali sostengono che la pelle di micelio emette meno gas serra e consuma meno risorse naturali nella sua produzione rispetto alla produzione di pelle di plastica e all'allevamento del bestiame, che è responsabile del 14% di tutte le emissioni di gas serra dell'attività umana.

Lattice

Il lattice è un materiale naturale, che viene ricavato dalla linfa bianca e lattiginosa dell'albero della gomma in un processo chiamato spillatura. Questo comporta l'incisione della corteccia piuttosto che l'abbattimento dell'intero albero, il che significa che il materiale è rapidamente rinnovabile.

Grazie alle sue credenziali ambientali, gli stilisti stanno usando sempre più questo materiale come alternativa sostenibile ai materiali di origine animale e petrolifera.

 Sostituti del calcestruzzo

Il calcestruzzo è il materiale da costruzione più usato nel mondo e la sua produzione è singolarmente responsabile dell'otto per cento delle emissioni globali di CO2 ogni anno.

Nel tentativo di mitigare questo, i ricercatori dei materiali hanno sviluppato una serie di alternative diverse. Una di queste, chiamata Finite, è fatta con sabbia del deserto invece di sabbia speciale per l'edilizia e i suoi inventori sostengono che ha "meno della metà dell'impronta di CO2"

Bioplastica di alghe

La bioplastica è stata a lungo annunciata come una possibile soluzione alla crisi della plastica. Ma gli ambientalisti hanno sollevato la preoccupazione che l'adozione di massa dell'acido polilattico (PLA) - il tipo più comune di bioplastica, che è fatto da mais, canna da zucchero e altre piante - richiederebbe grandi quantità di terreno agricolo per la produzione. Questo causerebbe danni ambientali e distoglierebbe le forniture di cibo cruciale dalla crescente popolazione della terra.

Come alternativa, i designer hanno iniziato a sperimentare la bioplastica fatta dalle alghe marine, una risorsa naturale abbondante e rinnovabile che cattura il carbonio dall'atmosfera durante la sua vita.

Rifiuti alimentari

Riutilizzare i flussi di rifiuti è un passo cruciale per muoversi verso un'economia circolare, dove i materiali vengono costantemente riutilizzati e nessun elemento viene sprecato. Un certo numero di designer si è rivolto ai sottoprodotti dell'industria alimentare e delle bevande in particolare, poiché questi offrono un tesoro di materiali naturali.

Tra gli ingredienti più utili ci sono i gusci dei frutti di mare scartati, che contengono un biopolimero chiamato chitina che i designer hanno usato per creare imballaggi in bioplastica e combinato con fondi di caffè di scarto per creare un'alternativa di pelle.

Sughero

Il sughero, che deriva dalla corteccia esterna della quercia da sughero, sta diventando sempre più popolare tra i designer perché è compostabile, riciclabile e può essere tolto dall'albero senza abbatterlo, permettendo alla pianta di continuare a catturare il carbonio.

Per ogni tonnellata di sughero prodotto, le foreste di querce da sughero catturano circa 73 tonnellate di CO2, rendendo il materiale effettivamente negativo al carbonio.

Nanocellulosa batterica

Un'altra alternativa di pelle è la nanocellulosa batterica (BNC), che è prodotta da una cultura simbiotica di batteri e lievito, nota anche come SCOBY e utilizzata per creare la bevanda di tè fermentato kombucha.

Il materiale è sottoposto a un processo di concia e tintura per creare una bio-pelle che la scienziata dei materiali Theanne Schiros afferma che ha un'impronta di carbonio inferiore del 97% rispetto alla pelle sintetica di poliuretano (PU) e si degrada in un cumulo di compost domestico in pochi mesi.

0
0
0
s2sdefault

Dalla chiocciola al green building


Architettura Sostenibile


di Isabella Goldmann
e Antonella Cicalò

Un libro a cura di

MeglioPossibile


per conoscere e riconoscere l'architettura del futuro

Edizioni FAG Milano

vai ai dettagli
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok